A VOLTE NOVE VITE NON BASTANO NEANCHE AI GATTI

A VOLTE NOVE VITE NON BASTANO NEANCHE AI GATTI

Sabato 21 settembre torna al Fidenza Shopping Park la sfilata felina, una vera cat walk con gatti di casa così belli e affascinanti da catalizzare l’attenzione dei clienti del parco commerciale.
Accanto a tante curiosità sui comportamenti di ogni razza, sugli aneddoti, sulle analogie tra quello che viene raccontato e che succede anche a noi, ci sono alcuni temi che durante questo evento non possiamo affrontare e che invece sono spesso oggetto di richiesta di informazioni specie presso i gattili. In particolare molti si chiedono qual è il giusto comportamento da adottare quando ci si trova per caso davanti a un gatto randagio incidentato.
Una prima cosa da tenere presente è che, a seguito dell’evoluzione recente delle normative, non si può far finta di niente perché si rischia di essere accusati di omesso soccorso. Bisogna quindi fermarsi e prestare aiuto. Poi bisogna allertare i carabinieri o i vigili perché a loro volta avvertano le strutture come i gattili. In questo prima passaggio, in alcune realtà, può succedere che le forze dell’ordine per i più svariati motivi, mancanza di personale oppure impegnato in operazioni in corso, non possano chiamare il gattile. In questo caso non si può comunque abbandonare il gatto ma occorre portarlo dal veterinario. Il problema che tutti pongono è: chi deve pagare le cure? La cosa può cambiare da Regione a Regione. Ad esempio in Emilia Romagna è stato istituito un fondo apposito e le cure vengono saldate dall’ASL. Mentre in Veneto o in Lombardia non è così.
È dunque buona norma avvertire il veterinario e magari sentire direttamente il gattile cercando di avere indicazioni e, in ogni caso, far presente al professionista di valutare cosa fare tenendo conto della situazione. Se, invece, il micio fosse dotato di microchip, il padrone una volta rintracciato anche tramite l’ASL si dovrà fare carico dei costi delle cure prestate.
Le iniziative come la sfilata felina cercano anche di sensibilizzare alla donazione verso i gattili perché possano disporre di un fondo per far fronte alle emergenze e favorire comportamenti responsabili e contro l’indifferenza in casi così tragici.
Perciò vi aspettiamo col vostro gatto se ce l’avete oppure per vedere splendidi mici introdotti dalla verve della Strana Coppia di Radio Bruno e dalla giornalista Clarissa Martinelli esperta di gatti e vera gattara doc!